Italia. Elba

Italia. Elba

Ieri sono finalmente tornato all’Elba. Un’isola a forma di pesce è il posto che al momento sento più affine a “casa mia” (escluso Lamassu, il mio vecchio furgone che da due anni riesce ancora sempre ad emozionarmi). Roma – Elba. Strano breve viaggio costeggiando il mare. Strano il mare di casa, sembra un lago sotto il mio sguardo di aumentata prospettiva. Strano il vento cangiante, i vecchi casali, i vigneti, le tradizioni culinarie, i dialetti, le parolacce,

Read More

Italia. Roma. Facciamo festa

Italia. Roma. Facciamo festa

Sono tornato a Roma. Fa freddo. Mi piace. A dirla tutta desideravo giacca, guanti, cappello. Ho il naso freddo e dormo sotto le coperte. Inverno. Qui a Roma sto per abbandonare una casa. Quella che era stata lo studio e l’ufficio dei miei genitori. Una casa al piano seminterrato. Divisa in due. Studio di mio padre, storico comunista e attivista dell’utopia; un’ampia biblioteca con una cucina tra i libri. Ufficio di mia madre, letterata e psicoanalista alla

Read More

Ritorno

Ritorno

Continuo a sentirmi in viaggio anche se sto tornando in Italia. Aereoplano. 8 ore (da Fort-de France a Parigi) per coprire la porzione di circonferenza che in barca a vela si copre in circa un mese. Un mese in mare è una stagione, rivelazione di complessi metereologici, correnti marine, costellazioni che rivelano l’infinita piccolezza del nostro pianeta, pesci e alghe che mostrano la forza delicata della vita. Aereo. Comodo, si, forse. Sicuramente troppo veloce per il metabolismo.

Read More

Quaranta rivoluzioni

Quaranta rivoluzioni

Oggi. Quaranta rivoluzioni. I giri intorno al sole che la terra ha fatto con me a bordo. Il mio mappamondo è ancora fermo ai Caraibi. Imbarcato in Portogallo con dei perfetti sconosciuti ho attraversato con loro l’oceano. In barca, a vela. Un viaggio per arco di cerchio massimo. Palpare le rotondità della terra, ascoltare voci diverse. Fuori di me. Dentro di me. Quarant’anni per avvistare, nel mare, un pezzo di terra: uno dei muri della mia casa, brandelli

Read More

Peter von Seestermühe

Peter von Seestermühe

Come dicevo, sono ospite su una barca a vela d’epoca, classe 1936, Peter von Seestermühe. Lo scafo in ferro, gli alberi in legno, il teak in coperta non descrivono abbastanza bene questa imbarcazione magnifica. Quindi mi dilungherò in un po’ di feticismo nautico. Per gli appassionati del genere. Cambiate canale se non vi interessa un riassunto degli ultimi 25 anni di Peter. La barca è stata comprata nel 1991 dall’attuale proprietario ed è stata in seguito completamente

Read More

Caraibi. Ancora Martinica

Caraibi. Ancora Martinica

L’isola è a prima vista più ordinata, gentile e meno contraddittoria delle isole che ho visitato finora. Ci si incontra per la strada e ci si dice “Bonjour“, i negozi, le merci e i prezzi sono come in Europa, così come l’assistenza ai naviganti e il cantiere di Le Marin. Gli abitanti hanno il passaporto francese, sono cittadini europei a tutti gli effetti, forse anche più di noi italiani, dato che la Francia (come dicono i francesi)

Read More

Capodanno in costume

Capodanno in costume

Come per il Natale, è altrettanto strano vivere la sera dell’ultimo dell’anno in maglietta, spostarsi in gommone tra le barche ancorate in rada e fare il bagno a mezzanotte, guardando i fuochi d’artificio partire dalla spiaggia. Complice il clima e il viaggiare da solo, le associazioni mentali collegate al capodanno si spezzano e posso vivere questo momento con libertà diversa dalla strana ansia collettiva che coglie molti abitanti delle metropoli moderne in questa notte speciale. Con chi

Read More

Caraibi (?). Martinica

Caraibi (?). Martinica

Il 31 dicembre sono approdato in Martinica [mappa – wiki]  dopo aver lasciato Ximera ed aver trovato un passaggio (si dice barcastop?!) su una barca olandese con uno skipper brasiliano. Il braccio di oceano che separa St. Lucia dalla Martinica separa anche i Caraibi dall’Europa. Perchè la Martinica è una delle regioni della Francia e uno dei suoi dipartimenti d’oltremare. Sono quindi tornato nell’Unione Europea, non ho avuto bisogno del visto di entrata nè di cambiare valuta.

Read More